Frittata di porri selvatici del Campino

Per cavarli di sotterro serve la zappa sennò rimangono in mano solo le fronze.

Si tratta dei porri selvatici che in questo momento nascono spontanei nei campi e diventano una diversa forma di frittata dal sapore delicato tendenzialmente amabile.

Nell’immagine centrale una frittata artistica.

Questa voce è stata pubblicata in campino e olio, cose buone dal mondo, Fotografie 2011. Contrassegna il permalink.

0 risposte a Frittata di porri selvatici del Campino

  1. ambra ha detto:

    ….Questo è un colpo basso 🙂

    Ambra

    Mi piace

  2. piergiovanni ha detto:

    Se non fossi intollerante a cipolla e affini (fino ai 20 anni ne mangiavo a quintali) ti direi di conservaneme una fetta di quella frittata (il pane lo metto io però).
    Passi da Cerea ad aprile?

    Mi piace

  3. Liz ha detto:

    Ne vado matta! e se prima di fare la frittata monti quasi a neve gli albumi per poi mettere tutto il resto insieme…… uno spettacolo!

    Mi piace

  4. Silvana Biasutti ha detto:

    Accidenti. Il porro essendo un ortaggio dei più prelibati e gustosi, chissà questi, addirittura sarvatici…

    Mi piace

  5. Alessio ha detto:

    Che spetta’olo … ogni tanto me la faccio e vi assicuro che l’è dimorto bona !

    Suggerisco anche quella squisitissima con gli stigoli (strittoli o bubbolino, verzini…). Lo strigolo si può usare per farcire cannelloni insieme a ricotta, per fare degli gnocchi, nelle minestre e si può consumare cruda mescolata con l’insalata o con altre erbe di campo.

    Buon appetito!

    Mi piace

  6. Andrea Pagliantini ha detto:

    Questa frittatina è deliziosa e anche l’idea lancia Alessio è un bel riempire il corpo di cose buone parecchio.
    Piergiovanni, in zona ci sarò, ma credo sia una toccata e fuga al festivalone a sentire che antani tirano, però potrebbe essere interessante sentire qualcosa al controfestival, ma non prometto.

    Mi piace

  7. vita ha detto:

    la frittata vi garantisco che era proprio bona!!!sopratutto quando i porri te le danno già raccolti!! I fiori dei porri selvatici la mi socera le chiamava se non erro le papale, comunque belle da tenere in vaso ma un pò odorose di aglio!!!

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...