La decadenza della chiesa di San Piero in Avenano

Nel 1745, erano 196 le anime del Popolo di San Piero in Avenano, nel 1833, erano 148, nel censimento del 1936, ben 216, erano le persone che vivevano in tale parrocchia.

Nel 2019, a scanso di qualche centinaio di cinghiali e decine di daini e caprioli, il numero delle persone è pari a zero, con una chiesa depredata di opere d’arte e oggetti vari, in cui spiccavano una serie di angeli in terracotta invetriata in stile o opera Della Robbia, che erano intorno all’altare.
Una parete di edera che disintegra e sorregge le mura, un soffitto che ha toccato il suolo nella navata sinistra, un albero, l’ailanto, che è diventato il simbolo dello stato precario, di un luogo che ha radici nell’anno mille, e che, per il futuro, ha solo l’ambizione di non finire la sua storia in un cumulo di calcinacci franati.

Così come potrebbe accadere alla Pieve di Spaltenna, chiusa da tempo.

Questa voce è stata pubblicata in Arte e curtura, Chianti Storico, Federica, Fotografie 2019, Italia Nostra, italians, La porta di Vertine, La Porta di....., Porcate e contrassegnata con , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Una risposta a La decadenza della chiesa di San Piero in Avenano

  1. Pingback: Antonio Casabianca: Notizie storiche sui luoghi del Chianti | Andrea Pagliantini

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...