La potatura degli ulivi

Nella campagna, si alzano al cielo dei densi fumi bianchi, a volte ondulati dal vento che li trasporta e disperde, fornendo alle narici quel caratteristico profumo di legno d’ulivo che arde, tipico di questo periodo di potatura.

Dopo la gelata dello scorso anno, c’è ancora da riparare le piante, tagliare ancora qualche ramo secco, bonificare dalla rogna, cercare qualche tallo per far ripartire il riempimento e ridare una forma definita alla chioma.

Si taglia, si cima, si spunta, si cerca di rinnovare il vecchio amputanto quelle parti che già hanno dato, per favorire il formarsi di gronde fresche che daranno olive.

Questa voce è stata pubblicata in Arte e curtura, campino e olio, Chianti Storico, Federica, Fotografie 2019, La porta di Vertine, persone e contrassegnata con , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

3 risposte a La potatura degli ulivi

  1. rocco ha detto:

    taci va, che io devo ancora cominciare… Quest’anno arrivo lungo e finisco a Maggio, mi sa.

    Mi piace

  2. Andrea Pagliantini ha detto:

    Non c’è fretta Rocco, anche maggio va bene per potare gli ulivi…. se poi piove fisso come negli ultimi giorni, si fa davvero alla svelta ad arrivarci…due giorni di acqua, e già piglia l’uggia e il pensiero di maggio per finire…

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...