Il Dit’Unto 2018 a Villa a Sesta

Il sindaco di Castelnuovo Berardenga Fabrizio Nepi, inaugura insieme al sindaco di Villa a Sesta Paola Valenti, il sesto villaggio culinario che si appella Dit’Unto.
Tante le manifestazioni gastronomiche, forse troppe, che spaziano dalla sagra popolare all’ideologia dei cuochi (chef) da cui pare che dipendano i destini del mondo.
Villa a Sesta e il Dit’Unto invece sono qualcosa di molto particolare e piacevole, perchè non c’è presunzione, perchè tutto nasce e cresce semplice e spontaneo.
Si ha la possibilità di assaggiare delle delizie senza svenarsi in un posto circondato dall’oro delle foglie di sangiovese in una giornata ebbra di sole e dal morbido accento calabrese alla chitarra con le canzoni di mille papaveri rossi.
Ci sono la cortesia, la professionalità, il sorriso e la gioia di chi si adopera nel lavoro sotto i gazebo e nel tessere l’invisibile ma faticosa trama fra un’edizione e l’altra che sta dietro all’ organizzazione e al lavoro pratico.

Ci sono persone che si parlano, si stimano, scherzano e forse è proprio questo il successo di questa bella giornata.

Questa voce è stata pubblicata in Arte e curtura, Berardenga, degustazioni, Federica, Fotografie 2018, La finestra di Stefania, persone e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

5 risposte a Il Dit’Unto 2018 a Villa a Sesta

  1. monica ha detto:

    Ma come fa un paese così piccolo a fare una cosa così grande e bella? Bravi, bravi, bravi!!!

    Mi piace

  2. Andrea Pagliantini ha detto:

    Nei micropaesi le necessità del vivere si intersecano ancora con la cortesia, la voglia di far due chiacchiere, darsi una mano nei momenti di bisogno, poi quando si ha la forza di creare cose belle come il Dit’Unto queste relazioni fra persone vengono ancora meglio.
    Noi a Vertine conserviamo gioia dell’essere, ma non abbiamo più la forza per mettere insieme una festa degna di questo nome e infatti su, vengono a farcele genti da fuori….

    Mi piace

  3. Lallo ha detto:

    E infatti a Vertine c’è chi prova a fare una brutta copia del Dit’Unto 🙂

    Mi piace

  4. Andrea Pagliantini ha detto:

    A Vertine, giusto per chiarire, non è l’esigua popolazione rimasta che mette di scena tutto quel carrozzone di cuochi, ma una società appositamente creata che utilizza il paese per crearci quello che ora va di moda chiamare “l’evento”. Il Dit’Unto è tutta un’altra cosa…

    Mi piace

  5. Lallo ha detto:

    Villa a Sesta è tutta un’altra cosa, c’è più spontaneità e allegria, da voi c’è più voglia di far ciccia….

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...