Potatura olivi a ottobre

Ci sono tempi decisamente migliori per potare gli olivi, ma quando queste nobili piante sono martirizzate dalle bizze temporali  e dalla voracità di simpatici bambi che brucano le foglie rendendo le piante improduttive fino a un metro e settanta da terra, in queste magnifiche giornate di tepore ottobrino, prende la voglia di rimettere in moto forbici e seghetto per rimettere in sesto le piante di un’oliveta, che in quanto a olive, sarebbe dura riempirne un paio di cassette.

Questa voce è stata pubblicata in Arte e curtura, campino e olio, Chianti Storico, Federica, Fotografie 2017, La porta di Vertine e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

4 risposte a Potatura olivi a ottobre

  1. rocco ha detto:

    io, per fortuna, ne ho! Ma ho recintato il campo… Non sarà una grande annata in quantità, dubito che riuscirò a frangere da solo perché a 4q.li non ci arriverò sicuramente. Ma le olive son belle. Mi dicono di farle arrivare al 15 Nov perché prendano pioggia. Ma io mi sa che per la fine di Ottobre raccolgo e via. Buon lavoro!

    Mi piace

  2. Andrea Pagliantini ha detto:

    L’olio lo hanno già addosso già ora, e con l’annata che è stata e le quantità che ci sono c’è da fare poca filosofia e raccogliere come di norma.

    Mi piace

  3. rocco ha detto:

    quando usa potare a Vertine? Mi piacerebbe venire a vedere per rubarmi qualche segreto. Qui intorno ormai potano quasi tutti con squadre di persone dell’est che non vanno molto per il sottile. Davanti agli sguardi perplessi, ti rispondono che l’olivo è pianta che perdona….

    Mi piace

  4. Andrea Pagliantini ha detto:

    Io per il prossimo anno ho già dato, nel senso che dopo la gelata e i rigori dell’estate, ho dovuto buttare in terra diversa vegetazione seccata, cercando di lasciare qualche tallo che sgorga dal tronco o dall’inizio del ramo a scopo di ricreare a breve un apparato produtto degno di questo nome. Potare un olivo non è difficile, solo che serve un certo occhio e le squadre che sono in circolazione contano troppo sul perdono della pianta che segano alla rinfusa.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...