I resti di un cinghiale divorato

Di un esemplare di cinghiale di rispettabili dimensioni, non c’è rimasto tanto: solo la parte del muso, un po’ di setola e un bel mucchietto di ossa ben ripulite sparse in un diametro di un paio di metri.
Segnale della presenza di qualche predatore che riesce a mettere al tappeto una bestia di belle dimensioni, nel contesto di un ambiente che scoppia della loro presenza e alimenta le dispense e le speranze di cibo di animali che alla fine, potrebbero diventare un problema.
Il tutto, nel facendo finta di niente degli organi, prima provinciali, poi regionali, che il cinghiale, i loro danni, la loro pasturazione a pane e granturco, l’annientamento delle colture e la recinzione del paesaggio per proteggersi, stanno stremando un territorio, il Chianti, che vive di un po’ di turismo, quel po’ che è rimasto di agricoltura, alla mercè del cinghiale, del suo allevamento nei boschi e delle problematiche che ne conseguono.

Questa voce è stata pubblicata in Chianti Storico, Etruscany, Fotografie 2017, italians, La porta di Vertine e contrassegnata con , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Una risposta a I resti di un cinghiale divorato

  1. Pingback: Il daino divorato | Andrea Pagliantini

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...