La colonna della Libertà 2014 nel Chianti

Una colonna di mezzi militari della seconda guerra mondiale in transito nelle strade a sterro del Chianti, nella lunga diritta di San Donato in Perano, direzione Vertine.
Una lenzuolata di foto, l’inizio di un racconto storico/emotivo/affettivo fatto di persone, lacrime, viti, ulivi, racconti, fra questi sassi su cui sorvolerà per sempre una poesia di Giovanni Pascoli che si snoderà nei prossimi giorni sulle pagine del blog.

Questa voce è stata pubblicata in Arte e curtura, Chianti Storico, Federica, fotografie 2014, La porta di Vertine, persone e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.

14 risposte a La colonna della Libertà 2014 nel Chianti

  1. Gavino Coradduzza ha detto:

    Per l’ennesima volta “grazie, Andrea”. Grazie per le immagini, ma soprattutto grazie perchè su tutto quel che pubblichi campeggia, sempre sovrana, una rondine in volo libero; “la rondine”, in volo libero. Nella piccola e quasi disadorna chiesetta del nostro quartiere, domenica 4 maggio alle 8,30, sarà celebrata una messa in memoria della “rondine” Il tuo pensiero, ne sono certo, sarà accanto a noi, per lei.

    Mi piace

  2. mario ha detto:

    Sembra lo sbarco in Normandia 🙂

    Mi piace

  3. Mammamsterdam ha detto:

    Mi associo a Gavino, nei ringraziamenti e nella constatazione.

    Mi piace

  4. Silvia ha detto:

    bellissime Andrea !

    Mi piace

  5. Andrea Pagliantini ha detto:

    A rischio di un’intossicazione da messe, mai fitte come in quest’ultimo anno, il mio pensiero e il mio affetto saranno in quel nido di chiesetta disadorna in cui si parlerà di una cara rondine piccina. Grazie Gavino.

    Per le foto in questione, a me pareva di trovarmi effettivamente dentro un film, ma stamani, a fari spenti, chi c’era e li ha visti allora e li ha rivisti venerdi ancora ci pensa e ne è commosso.

    Mi piace

  6. Alessio ha detto:

    Per non dimenticare le donne, gli uomini, i giovani, gli anziani, i preti, i militari, le persone appartenenti a diversi ceti sociali e a diverse idee politiche e religiose che hanno lottato per ottenere, e donarci oggi, la democrazia e il rispetto della libertà individuale e l’uguaglianza.

    “Viva l’Italia, l’Italia che lavora, l’Italia che si dispera, l’Italia che si innamora … l’Italia con le bandiere, l’Italia nuda come sempre, l’Italia con gli occhi aperti nella notte triste, viva l’Italia, l’Italia che resiste” (Francesco De Gregori).

    Mi piace

  7. Alessio ha detto:

    Andrea sei riuscito ancora una volta a donarci una bella giornata… non avevo dubbi!
    Grazie di cuore.

    Mi piace

  8. Paolo Thaon di Revel ha detto:

    Grazie per le bellissime immagini!

    Mi piace

  9. ambra ha detto:

    sempre tu Andrea…. forte…cocciuto…tenero
    …uno sguardo alla piccola rondine….
    ambra

    Mi piace

  10. Pingback: Le cicale, suono inconfondibile dell’estate, con due sorelle di impressionante bellezza | Andrea Pagliantini

  11. Pingback: Vertine, San Donato in Perano e il cipresso nato nel muro di Vistarenni | Andrea Pagliantini

  12. Pingback: Il vescovo di Fiesole Mario Meini, San Bartolomeo e le cuoche del Popolo di Vertine | Andrea Pagliantini

  13. Pingback: Il pane gettato nei boschi del Chianti per allevare cinghiali | Andrea Pagliantini

  14. Pingback: La Wehrmacht e l’Afrika Korps in vacanza nel Chianti | Andrea Pagliantini

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...