Giuseppe Mussari, il Beppe Chic del Monte dei Paschi

Che era un fenomeno lo si sapeva già da prima che venisse fatto presidente del Monte dei Paschi, dai tempi di quando giovane studente universitario girava con l’eskimo e tentava di cambiare il mondo facendo l’alternativo guardando l’esterno da dietro le comode finestre di viale Curtatone.

Una volta finito chissà come presidente della banca senese la potenza della scrivania ne ha cambiato stile: il capello è stato leccato dalla mucca, la scarpa è diventata a punta, c’era chi ne baciava le impronte, chi benediceva la sua presenza, chi lo invitava a ogni bruschetta di Contrada.

Succede ai potenti quando finiscono nella polvere di essere dileggiati e sbeffeggiati. L’incauta acquisizione di Antonveneta, partorita da menti sopraffine di chissà dove lo ha lanciato prima nell’olimpo, poi a fari accesi nella polvere.

Quanti lo leccavano ora lo dileggiano e lo insultano cercando di rifarsi una verginità. Per il noto coraggio dei vigliacchi.

Passa le giornate a cavallo con Aceto, il grande fantino del Palio, uno dei pochi amici rimasti che non lo ha rinnegato.

Mussari è un bischero ma non può aver fatto tutto da solo.

Questa voce è stata pubblicata in Etruscany, italians e contrassegnata con , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

0 risposte a Giuseppe Mussari, il Beppe Chic del Monte dei Paschi

  1. Pingback: Giuseppe Mussari, il Beppe Chic del Monte dei P...

  2. Alexandria Santorini ha detto:

    Certo che non ha fatto tutto da solo. Gli 8 bonifici del pagamento di Antonveneta assommano ad oltre 17 miliardi, dai 9,3 pattuttiti. Escono verso Santander 2,5 miliardi in più: 1 miliardo allo IOR e 1,5 ai DS, ecco (era quello il periodo) l’accordo per la nascita del PD.
    Avendo già assommato 4 rinvii a giudizio (Ampugnano, Salerno, Alexandria e Antonveneta) per reati che non si prescriveranno, se fosse furbo gli conviene raccontà!

    "Mi piace"

  3. Ottimo caro Andrea. Di fatto non ha fatto tutto da solo, ma sono in tanti fra nani, ballerine e soldatini del groviglio armonioso che gli hanno dato manforte. Ancora qualcuno di questi pretenderebbe anche di dire la sua. Pensa te. Un abbraccio

    "Mi piace"

  4. silvana ha detto:

    Lasciami dire: tra le tante peculiarità neanche un filo di chic, semmai shock, cioè quello che ha fatto prendere a noi – quasi elettro – …

    "Mi piace"

  5. Andrea Pagliantini ha detto:

    La spregiudicatezza e l’arroganza con la quale la politica, anzi, certi politicanti gestiscono le cose pubbliche come fossero loro è indice di corruzione, malcostume e tanta ipocrisia.
    In questi giorni Veltroni gira l’Italia con un film che è un santino agiografico nei confronti di Enrico Berlinguer, persona gigantesca per intelligenza politica e rigore morale…
    La questione morale di cui parlava Berlinguer non era riferita tanto ai governanti di allora, ma era riferita a quanti, all’interno del proprio partito si stavano adagiando ad amministrare la cosa pubblica perdendo onestà e diversità.
    La banca di Siena è stata gestita come fosse cosa propria, non da Mussari, questo mi pare evidente che era li messo da chissà chi per chissà quali motivi e ora dovrebbe fare da parafulmine prendendo tutte le colpe stando zitto e subendo le ire della cittadinanza senese e dei lavoratori tutti… esternalizzati e licenziandi a breve.
    Mussari sbeffeggiato e insultato è una scena vergognosa… gli amici più cari che lo rinnegano… offese… si perde il lume dell’orizzonte.
    Rimettere nelle casse quanto è sparito. Buttare fuori dalla banca e dalla politica quanti hanno preso per proprio un patrimonio che erano chiamati a gestire.
    Le urla, gli insulti, la rabbia, lascia il tempo che trova.
    I responsabili di tutto questo devono essere puniti nell’urna elettorale e nelle aule di tribunale.

    "Mi piace"

  6. Andrea Pagliantini ha detto:

    Troppe famiglie in ogni parte d’Italia sono state usurpate della dignità e del lavoro.
    Sia chiaro che era un bel carrozzone finchè ha funzionato…. ma se ben amministrato poteva continuare all’infinito a portare benessere e seggiole….

    "Mi piace"

  7. Pingback: Rassegna Stampa – Caro Nando IL SANTO aveva ragione!!! Due giornalisti senesi spiegano meglio a cosa serve il nuovo stadio (video) | IL SANTO NOTIZIE DI SIENA

  8. Pingback: In Contrada, viaggio nei territori delle Contrade di Siena: Oratorio, chiesa di Santo Spirito e museo nella Nobile Contrada del Nicchio | Andrea Pagliantini

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...